Blog Studio Dentistico Dott. Pierluca Vivaldini - Studio Dentistico Dott. Pierluca Vivaldini

Vai ai contenuti

Breve storia dello spazzolino da denti

Studio Dentistico Dott. Pierluca Vivaldini
Pubblicato in Igiene Dentale · 9 Gennaio 2019
Tags: igienedentaleigieneoralespazzolinodadentistoriaspazzolinodadenti
Lo spazzolino da denti è uno strumento di igiene orale utilizzato per pulire denti, gengive e lingua. È costituito da una testa di setola strettamente raggruppata, in cima alla quale può essere applicato il dentifricio, montata su una maniglia che facilita la pulizia delle aree della bocca difficili da raggiungere.

Gli spazzolini da denti sono disponibili con diverse trame, dimensioni e forme di setole. La maggior parte dei dentisti consiglia l'uso di uno spazzolino morbido poiché spazzolini a setole dure possono danneggiare lo smalto dei denti e irritare le gengive.

Sebbene sia stato creato per la prima volta come strumento di igiene orale, lo spazzolino da denti ha visto anche un altro strumento di pulizia preciso, in particolare militare. Ciò è dovuto ai numerosi piccoli fili che gli consentono di pulire in piccoli spazi che molti strumenti di pulizia convenzionali non possono raggiungere.

Prima dell'invenzione dello spazzolino da denti, erano state utilizzate varie misure di igiene orale. Ciò è stato verificato da scavi durante i quali sono stati recuperati bastoncini da masticare, ramoscelli, piume di uccelli, ossa di animali e aculei di istrice.

Il predecessore dello spazzolino da denti è lo stick da masticare. I bastoncini da masticare erano ramoscelli con estremità sfilacciate usate per lavarsi i denti mentre l'altra estremità era usata come uno stecchino. I primi bastoncini da masticare furono scoperti nella Mesopotamia sumera nel 3500 a.C., una tomba egizia risalente al 3000 a.C., e menzionata in documenti cinesi risalenti al 1600 a.C. I Greci e i Romani usavano gli stuzzicadenti per pulire i denti e nelle tombe della dinastia Qin sono stati scavati ramoscelli simili a stuzzicadenti. I bastoncini da masticare rimangono comuni in Africa, negli Stati Uniti meridionali rurali e nel mondo islamico l'uso del bastoncino da masticare Miswak è considerato un'azione pia ed è stato prescritto per essere utilizzato prima di ogni preghiera cinque volte al giorno. I miswak sono stati usati dai musulmani dal 7 ° secolo.

Il primo spazzolino da denti simile a quello moderno è stato trovato in Cina. Utilizzato durante la dinastia Tang (619–907), consisteva di setole di maiale. [8] [9] Le setole provenivano da maiali che vivevano in Siberia e nel nord della Cina perché le temperature più fredde fornivano setole più sode. Erano attaccati a una maniglia fabbricata in bambù o osso, formando uno spazzolino da denti. Nel 1223, il maestro Zen giapponese D? Gen Kigen registrò su Sh? B? Genz? che vide monaci in Cina lavarsi i denti con spazzole fatte di peli di equiseto attaccati a un manico di osso. Lo spazzolino a setole si diffuse in Europa, portato dalla Cina in Europa dai viaggiatori. Fu adottato in Europa durante il 17 ° secolo. Il primo uso identificato della parola spazzolino da denti in inglese fu nell'autobiografia di Anthony Wood che scrisse nel 1690 che aveva comprato uno spazzolino da denti da J. Barret. Gli europei hanno trovato gli spazzolini da setola di maiale importati dalla Cina troppo fermi e hanno preferito spazzolini da denti con setole più morbide di crine di cavallo. Gli spazzolini prodotti in serie con setole di cavallo o di cinghiale hanno continuato ad essere importati in Inghilterra dalla Cina fino alla metà del 20 ° secolo.

È stato scoperto che rispetto a una spazzola manuale, la spazzola multi-direzionale potrebbe ridurre l'incidenza di gengivite e placca, rispetto alla normale spazzolatura da lato a lato. Questi pennelli tendono ad essere più costosi. Uno spazzolino elettrico esegue le rotazioni delle sue setole e pulisce i punti difficili da raggiungere. La maggior parte degli studi riporta prestazioni equivalenti a quelle delle spazzolature manuali, possibilmente con una diminuzione della placca e della gengivite sebbene la versione elettrica possa essere più comoda. Un timer aggiuntivo e sensori di pressione possono incoraggiare un processo di pulizia più efficiente. Gli spazzolini elettrici possono essere classificati, in base alla velocità dei loro movimenti come: spazzolini elettrici standard, spazzolini sonici o spazzolini ad ultrasuoni. Qualsiasi spazzolino elettrico è tecnicamente uno spazzolino elettrico. Se il movimento dello spazzolino da denti è sufficientemente rapido da produrre un ronzio nella gamma di frequenza udibile (da 20 Hz a 20.000 Hz), può essere classificato come uno spazzolino sonico. Qualsiasi spazzolino elettrico con movimento più veloce di questo limite può essere classificato come uno spazzolino ad ultrasuoni. Alcuni spazzolini ad ultrasuoni, come Megasonex e Ultreo, hanno movimenti sia sonici che ultrasonici.

I denti possono essere danneggiati da diversi fattori tra cui la scarsa igiene orale, ma anche da un'igiene orale errata. Soprattutto per i denti sensibili, il danno alla dentina e alle gengive può essere prevenuto con diverse misure tra cui una corretta tecnica di spazzolatura.

È utile, quando si utilizza uno spazzolino a setole diritte, non strofinare orizzontalmente sul collo dei denti, non premere lo spazzolino troppo forte contro i denti, scegliere un dentifricio non troppo abrasivo e attendere almeno 30 minuti dopo consumo di alimenti o bevande acidi prima della spazzolatura.


Torna ai contenuti