Le malattie della gengiva - Parodontopatia - Studio Dentistico Dott. Pierluca Vivaldini

Vai ai contenuti

La Malattia Parodontale

L'infezione parodontale, negli stadi più avanzati chiamata anche parodontopatia, provoca una graduale distruzione di tutti i tessuti di ancoraggio dei denti - il periodonto - . Contrariamente alla credenza popolare, l'allentamento, la mobilità, il sanguinamento dei denti non è causato dall'invecchiamento, presenta una componente genetica, ma l'origine è batterica. Quindi è possibile entro certi versi bloccarla e curarla.

Parodontite: cause, sintomi, revisione dei moderni metodi di trattamento

Che cos'è la malattia parodontale?

E' costituita da un insieme di condizioni infiammatorie  e infettive del tessuto che circonda il dente. Nella sua fase precoce interessa solamente il tessuto gengivale, è chiamata gengivite, in questi casi la gengiva diventa gonfia, rossa e può sanguinare. Nella sua fase avanzata è chiamata parodontopatia, è una progressione distruttiva della gengivite, comprende un riassorbimento dell'osso circostante. In conseguenza al danno gengivale e osseo i denti si allentano, migrano, dondolano fino a perderli.

La malattia parodontale rappresenta un'infezione batterica progressiva che si diffonde dalle gengive per distruggere l'osso che sostiene i denti. Negli adulti, l'infiammazione indotta dalla placca rappresenta la principale causa di problemi di salute orale ed è divisa in due categorie: gengivite e parodontite. La gengivite rappresenta un'infiammazione reversibile delle gengive. Se non trattata, l'infezione può progredire in parodontite. La parodontite comporta infiammazione e infezione che si è diffusa per causare la distruzione permanente dell'osso che sostiene i nostri denti.
Ma a volte l'allentamento dei denti può essere molto rapido: la distruzione dei tessuti cambia notevolmente in pochi mesi. Questa si chiama parodontite aggressiva. Questa forma della malattia può avere un esordio molto precoce, già a 15-20 anni.
Velocità di Evoluzione
Incisivi anteriori superiori con gengive ritirate
Nella maggior parte dei casi, la parodontite progredisce lentamente, nell'arco di diversi anni. Stiamo parlando di parodontite cronica. Questa forma della malattia di solito inizia intorno ai 35-45 anni.
Ma a volte l'allentamento dei denti può essere molto rapido: la distruzione dei tessuti cambia notevolmente in pochi mesi. Questa si chiama parodontite aggressiva. Questa forma della malattia può avere un esordio molto precoce, già a 15-20 anni.


A causarla sono i microbi presenti nella placca batterica e entrano in gioco una serie di concause che la possono favorire. Azioni come lo spazzolarsi i denti ogni volta che si è mangiato, il passare il filo interdentale quotidianamente e sottoporsi a regolari controlli dentistici possono migliorare il quadro clinico e il successo del trattamento parodontale.
Il trattamento parodontale diventa necessario quando l'infiammazione e l'infezione si diffondono al di sotto della linea gengivale per mettere a repentaglio la salute delle nostre gengive e della mascella che tengono in posizione i nostri denti. La ritenzione dei denti dipende direttamente da cure parodontali appropriate e tempestive e da una manutenzione di supporto parodontale in corso. Come una cornice che circonda un bellissimo dipinto, le gengive sane migliorano l'aspetto dei nostri denti. Le gengive malsane possono diventare gonfie, dolorose, arrossare, sanguinare e recedere. Nelle fasi successive, l'osso di supporto viene distrutto e i denti possono spostarsi, allentarsi e infine cadere. La malattia parodontale se non trattata, rovina molto più del nostro sorriso. Questi cambiamenti influenzano non solo la nostra capacità di masticare e parlare, ma hanno un impatto sulla nostra salute generale.
Meccanismo di Evoluzione
Rappresentazione del sondaggio in dente con gengivite fino alla piorrea
La parodontite si sviluppa in fasi come mostrato nell'immagine allegata.


Denti sporchi affetti da piorrea, con germi e rimozione tartaro sottogengivale

Qual è la causa principale della parodontite?


La placca dentale ha dimostrato di essere la causa principale della parodontite. La placca è un film appiccicoso incolore composto da una molteplicità di tipi di batteri. Nel tempo, la placca dentale forma un ecosistema simbiotico in continua espansione che aderisce ai nostri denti e si diffonde sotto la linea gengivale. La placca si forma costantemente sui denti, anche pochi minuti dopo la pulizia. D'altra parte, è l'interazione di milioni di batteri nel tempo a stabilire un ecosistema batterico tossico che secerne continuamente i veleni che distruggono le gengive. Le gengive possono infiammarsi, arrossarsi, gonfiarsi e sanguinare facilmente. Se è permesso procedere all'infezione senza un trattamento efficace, le gengive si separano dai denti causando la formazione di spazi (tasche). Nel tempo, la placca si indurisce formando una sostanza ruvida e porosa comunemente nota come tartaro (calcolo) sia sopra che sotto la linea gengivale.

La gengivite se non trattata può progredire in parodontite con conseguente perdita permanente della gomma e dell'osso di supporto che tengono in posizione i nostri denti. Questa progressiva perdita dell'osso mascellare può portare all'allentamento e alla conseguente perdita dei denti. La parodontite deriva dall'interazione tra malattie che causano l'adesione dei batteri ai nostri denti e una risposta immunitaria eccessivamente aggressiva a questi batteri.

È stato riferito che l'80% delle persone sarà affetto da malattia parodontale entro i 45 anni e che 1 paziente su 5 con questa malattia non è consapevole di averlo. Nonostante la malattia parodontale sia un'infezione pericolosa, nelle sue fasi iniziali e ancora curabili, è spesso indolore e priva di sintomi profondi. Ciò sottolinea l'importanza di presentare per la valutazione e il trattamento specialistici il più presto possibile. Una diagnosi precoce e un trattamento efficace ridurranno la gravità e il costo delle cure, migliorando al contempo la prevedibilità del raggiungimento del successo del caso. Non vi è alcun sostituto per la valutazione specialistica parodontale precoce.
La gengivite è il primo stadio della parodontite. Si tratta di un'infezione delle gengive causata dall'accumulo di placca dentale (un accumulo di batteri che si attacca ai denti e alle gengive). Sotto l'azione delle tossine rilasciate dai batteri, la gengiva infetta diventa infiammatoria: a volte inizia a sanguinare e a gonfiarsi. Si noti che in un paziente che fuma, anche se la gengiva è effettivamente infetta, non sanguina né si gonfia, perché il tabacco cambia il suo comportamento. La malattia è presente, ma totalmente mascherata.
Disegno di gengiva sana, gengivite e parodontopatia
Quando la gengivite non viene curata o viene trattata male, progredisce in parodontite. La situazione peggiora più o meno rapidamente a seconda del paziente. La descrizione seguente spiega la progressione della malattia in modo semplificato:

  1. I batteri responsabili della gengivite allentano gradualmente la gengiva del dente: si forma quindi uno spazio tra la radice del dente e la gengiva chiamato tasca parodontale (vedi schema sotto). I batteri entrano e si rifugiano lì, senza lavarsi i denti riuscendo ad eliminarli.
  2. Così protetti, i batteri proliferano nella tasca parodontale e distruggono il legamento alveolare e l'osso alveolare vicino.
  3. Queste distruzioni, che minano veramente il parodonto, portano all'approfondimento della tasca parodontale, e di conseguenza all'aumento dello spazio sottogengivale colonizzabile dai batteri. I batteri stanno diventando sempre più numerosi, sempre più aggressivi e sempre meno eliminabili mediante spazzolatura.
Il processo così avviato si evolve in modo ciclico, fino a quando il supporto osseo del dente è così debole che inizia a muoversi e poi si allontana da solo.

I batteri responsabili della gengivite allentano gradualmente la gengiva del dente: si forma quindi uno spazio tra la radice del dente e la gengiva chiamato tasca parodontale (vedi schema sotto). I batteri entrano e si rifugiano lì, senza lavarsi i denti riuscendo ad eliminarli.
Così protetti, i batteri proliferano nella tasca parodontale e distruggono il legamento alveolare e l'osso alveolare vicino.
Queste distruzioni, che minano veramente il parodonto, portano all'approfondimento della tasca parodontale, e di conseguenza all'aumento dello spazio sottogengivale colonizzabile dai batteri. I batteri stanno diventando sempre più numerosi, sempre più aggressivi e sempre meno eliminabili mediante spazzolatura.
Il processo così avviato si evolve in modo ciclico, fino a quando il supporto osseo del dente è così debole che inizia a muoversi e poi si allontana da solo.

TERAPIA PARODONTALE CAUSALE INIZIALE

Cosa fare per le gengive che si ritirano? Cosa fare per la piorrea?
La prima fase iniziale nel trattamento della malattia parodontale comporta in genere una terapia causale. Igiene orale professionale associata a ulteriori procedure come:
  • lo scaling che consiste nella rimozione minuziosa di placca e tartaro nella zona sottostante il margine gengivale on nella tasca parodontale. Viene impiegato uno strumento a ultrasuoni, l'ablatore o più raramente uno strumento manula detto scaler.
  • il root planing o levigatura radicolare che consiste nella puliza e come dice la parola stessa levigatura delle superfici a livello delle radici dentali. Serve per rimuovere lo strato danneggiato dalle tossine batteriche derivate dalla placca, si impiegano allo scopo delle curettes, strumenti manuali. Il procedimento serve per favorire il ripristino di attacco tra la gengiva e la superfice pulita e liscia della radice. Questo procedimento favorisce il ripristino di attacco della gengiva alla superficie pulita e liscia della radice del dente e rende più difficile il nuovo accumulo di placca.
Non sono manovre dolorose, è possibile impiegare l'anestetico locale.

Questi procedimenti sono essenziali per il pazienti con malattia pardontale per favorire il processo di guarigione. Le stesse procedure dopo la prima fase, saranno impiegate anche a scopo preventivo per mantenere a lungo lo stato di salute parodontale, il paziente poi verrà inserito in un programma di controllo e rivalutazione.
Presso lo studio  una meticolosa pulizia al di sotto della linea gengivale che può includere lo scaling e il root planing, il curettage dei tessuti molli e profilassi dentale. L'obiettivo di queste procedure non chirurgiche è quello di rimuovere gli agenti eziologici, la placca batterica e il tartaro (calcolo) che causano infezione e malattia parodontali.
Sebbene le procedure di cui sopra siano essenziali per i pazienti con malattia parodontale per iniziare il processo di guarigione, il ridimensionamento, la pianificazione delle radici e la profilassi sono anche impiegati come misure preventive (cure di supporto periodontale di supporto), per mantenere i nostri pazienti a lungo termine salute parodontale.
Nel Blog puoi trovare delle curiosità su cosa succede quando una persona non si lava i denti per qualche giorno o a lungo termine.
WebMaster and Designer Pierluca Vivaldini
Studio Dentistico Dott. Pierluca Vivaldini
via Brescia, 28 - 25020 Gambara (Bs)
Torna ai contenuti